Documentazione
< Tutti gli Articoli
Stampa

Manutenzione

Pulizia della stampante e lubrificazione

Per un ottimale e corretto utilizzo, la stampante va sempre custodita lontano da luoghi polverosi e pulita quotidianamente da polvere e residui di filamento.

Il piano di stampa va pulito periodicamente dai residui della lacca, spruzzata per consentire al polimero, di aderire al piano, si raccomanda di non usare solventi o detergenti ma di pulire solo con acqua tiepida. Stessa attenzione impiegando i collanti specifici. 

Si consiglia la sostituzione dei filtri ai carboni attivi presenti nelle ventole di aspirazione ogni 3 mesi o quando, visibilmente, si nota lo strato grigio di polveri depositato su di esso. Per cambiare i filtri al carbone si devono svitare le 4 viti a brugola presenti nelle due ventole, dall’interno della stampante per poi procedere delicatamente alla sostituzione, oppure facendo pressione sulla cornice proteggi filtro per i tipi senza viti.

Rimuovere il filamento in eccesso dalle vaschette di spurgo.  Per assicurarsi una migliore qualità di stampa è fortemente consigliato vuotare le vaschette di spurgo quotidianamente. 

Le guide non devono mai essere pulite con solventi o detergenti poiché hanno una patina di lubrificante residuo rilasciato dai cuscinetti a ricircolo di sfera autolubrificanti.

La stampante va pulita con con un panno morbido idrofilo e un prodotto neutro non aggressivo per i pannelli in plexiglass.

Rimuovere la polvere da tutte le ventole con uno spazzolino a setole morbide.  

Ogni circa 1500 ore di lavoro è bene ripristinare la patina lubrificante con un velo di grasso al Litio su tutte le guide di scorrimento.  

Non passare sulle guide grasso o lubrificante di qualsiasi tipo se non concordato anticipatamente con la Protys o con i loro Partner
Per lubrificare le guide della stampante Protys consiglia: https://arexons.it/it/prodotti/manutenzione/system/ grassi-e-siliconi/grasso-al-litio/
Ogni volta che si fa partire una stampa controllare se sono presenti residui di filamento nelle pulegge, sulle cinghie e sulle guide lineari, se presenti si deve procedere a rimuoverli 

Pulizia degli ugelli

Attenzione ricordarsi che quando si pulisce l’ugello quest’ultimo avrà una temperatura maggiore di 220°C quindi è assolutamente necessario dotarsi di guanti adeguati onde evitare spiacevoli incidenti, e di maneggiare l’ugello solo con pinze fino al completo raffreddamento dello stesso.

Prima di ogni calibrazione del piano di stampa e prima di calibrare automaticamente i due ugelli di stampa è bene che gli ugelli siano puliti e non presentino alcun residuo di plastica. 


Per pulire gli ugelli bisogna munirsi di una spazzola con setole in ottone.

  1. Ad ugello freddo rimuovere la protezione in silicone arancione.
  2. Dal Menu principale premere il pulsante ”Stato”.
  3. Premere il pulsante relativo all’ugello che si deve pulire e con il tastierino numerico impostare la temperatura a 220°C confermando con il tasto .
  4. Appena raggiunta la temperatura, pulire con la spazzola in ottone l’ugello e il blocchetto riscaldante in alluminio, dalla plastica fusa in eccesso. 
  5. Per spegnere l’estrusore basta ripetere la procedura del punto 2 impostando la temperatura a 0°C.
  6. Controllare sul display la temperatura dell’estrusore, quando è prossima a 0°C è possibile rimontare la protezione in silicone arancione.
Per allungare la vita degli ugelli; settimanalmente si deve procedere a spurgare l’ugello facendo passare 10 cm di filamento in PC a 260 C°, vedere il capitolo “Cambio Filamento”.
Ogni 800 ore di stampa controllare gli ingranaggi trascina filamento, presenti nel gruppo estrusore, per assicurarsi che non abbiano giochi anomali oppure un usura eccessiva, in tal caso si deve procedere a sostituirli.

Sistema di Movimentazione dei assi

Per tendere le cinghie di movimentazione dei assi X/Y si deve innanzitutto spegnere la stampante.

  1. Con movimenti lenti si deve intervenire per muovere l’asse X verso la parte anteriore della stampante, in modo tale che le viti a brugola dei tensionatori delle cinghie siano visibili attraverso i fori predisposti nello chassis.
  1. Con l’apposita chiave a brugola data in dotazione si deve procedere a svitare o avvitare la vite di regolazione in modo tale che la cinghia sia tirata correttamente.  
Eseguire una calibrazione rapida degli estrusori ogni 500 ore di stampa come specificato nel paragrafo ”Calibrazione automatica dei due ugelli di stampa”. 
Ogni 1000 ore di stampa controllare tutte le viti di fissaggio dei estrusori, con le apposite chiavi a brugola date in dotazione.
Controllare la tensione delle cinghie X/Y e regolarla mediante i fori laterali presenti sullo chassis ogni 1000 ore di stampa.